Main Page
Class News
Grammatica italiana – Sintassi: Complementi diretti e indiretti
Complementi indiretti


I complementi indiretti servono per aggiungere ulteriori informazioni al significato della proposizione. Si dividono in due categorie:

Complementi indiretti nominali

quando sono sintatticamente dipendenti da un nome o pronome. In questa categoria troviamo il complemento di specificazione e il complemento di materia, e seno introdotti dalla preposizione di.

complemento di specificazione risponde alla domanda di chi? / di che cosa?). Sono di natura possessiva o indicativa/dichiarativa).

indicativi: pieno di gioia; prendo il libro di filosofia; questo libro è il Decamerone di Boccaccio, ho piantato un pianta di pesco.

possessivi: è la casa di Maria; prendo la macchina di Roberto; sono le idee di uno scienziato; non ho ancora letto il libro di filosofia

complemento di materia: è simile al complemento di specificazione, ed indica di che cosa è fatto un oggetto

questo è un tavolo di metallo; vive in una casa di mattoni.

complementi indiretti verbali:

In questa categoria troviamo tutti gli altri complementi indiretti, ed sono quasi sempre introdotti da una preposizione. I più comuni sono:

complemento di termine
complemento di luogo
complemento di tempo
complemento di mezzo
complemento di modo
complemento di causa
complemento di compagnia
complemento di agente

Complemento di termine: indica la persona, essere, o cosa su cui termina l'azione espressa dal predicato; risponda alla domanda a chi? a che cosa?

la lettera fu spedita a Luisa; ho fatto un regalo a Giorgio
 

Pronomi personali del complemento di termine:

Quando si deve sostituire un nome con un pronome con funzione di complemento di termine, si usano i seguenti pronomi:

forma tonica

  singolare plurale
prima persona a me a noi
seconda persona a te a voi
terza persona a lui, lei a loro

forma atona

  singolare plurale
prima persona mi ci
seconda persona ti vi
terza persona gli, le gli, loro

la posizione dei pronomi del complemento di termine è simile alla posizione dei pronomi del complemento oggetto.

questo libro non mi piace; non le ancora parlato; vorrei telefonarle, portagli i miei saluti

nota: quando sono presenti i pronomi del complemento oggetto e di termine, il pronome del complemento di termine precede quello del complemento oggetto.

non te lo posso dire; vuoi darglielo tu? (dare a lui, a lei o a loro)

Complemento di luogo

stato in luogo: esprime dove, nello spazio, si trova un essere o una cosa, risponde alla domanda, dove, in quale luogo

abito a Roma; resto in casa; la pizzeria si trova in via Garibaldi

moto a luogo: il luogo vero cui ci si muove, anche in senso figurato

vado a Palermo; parto per la villeggiatura; più tardi verrò da te; giunse alla disperazione

moto da luogo: indica da dove ci si muove, anche in senso figurato

vengo da Napoli; sono uscito di casa presto; ti vedo al ritorno dall'estero; sono reduce da una brutta esperienza

moto per luogo: indica un luogo reale o figurato attraverso cui ci si muove:

Mentre tornavo a casa,sono passato per via Corsini; prendemmo la via attraverso i campi; questi ricordi mi passano per la mente

Complemento di tempo: esprime il tempo dell'azione o condizione espressa dal predicato.

tempo determinato: mi sveglio ogni mattina alle sette; vado alla festa di pomeriggio

tempo continuato: lo conosco da un mese; ti aspetto fino alle cinque, ho studiato per due ore

Complemento di mezzo: indica l'essere o la cosa per mezzo di cui avviene o si fa qualcosa.

andrò in Italia in aereo; andiamo in macchina; con il tuo aiuto posso completare il progetto

complemento di modo: esprime in che modo avviene qualcosa.

non lo faccio di buona volontà; ha studiato con diligenza; la neve cadeva con forza

complemento di causa: indica il motivo per cui si fa o avviene qualcosa.

non esco per il maltempo; piange di gioia; muore di fame

complemento di compagnia: indica con chi o con cui si è o si fa qualcosa

sono uscito con l'ombrello perché piove; andò dalla fidanzata con un mazzo di rose; andiamo in l'Italia con gli amici

complemento di agente: si usa nelle costruzione sintattica passive, esprime da chi o da cui deriva un'azione

il bandito è stato catturato dalla polizia; alla fine fu vinto dal sonno; il progetto fu apprezzato da tutti